I Farmers Market in Europa, la filiera corta

Il fenomeno dei mercati contadini assume tratti distinti dal classico mercato rionale. Infatti, in questa ultima formula sono avvenuti dei cambiamenti, per cui sono sempre più rari i banchi gestiti dagli stessi agricoltori; al contrario, prevalgono “i commercianti”, che vendono merce acquistata presso strutture distributive più ampie (mercati generali, centri agroalimentari). Questi soggetti diventano perciò ulteriori intermediari in una catena che non può nemmeno più definirsi corta.

Il modello dei farmers’ markets è stato importato dagli Stati Uniti, fonte privilegiata di tanti nuovi usi e costumi che arrivano all’Europa. Oggi negli Usa i farmers’ markets sono 4385 ubicati principalmente nelle grandi metropoli, ma con una rilevante differenza rispetto al modello prevalente in Italia. I prodotti venduti sono principalmente alimenti di consumo quotidiano, non contraddistinti da particolari caratteristiche qualitative (specialità tradizionali, prodotti tipici.
All’estero i farmers’ markets si inseriscono nel più generale fenomeno identificato dal termine Alternative food network (Afn) per indicare forme di vendita alternative a quelle ormai consolidate. Esse sono definite in base ad alcuni criteri prioritari: la minore distanza tra produzione consumo, la dimensione ridotta delle aziende e dei volumi prodotti ed i metodi di produzione (biologico), l’esistenza di luoghi di vendita come le cooperative, i farmers’ markets e le Community supported agriculture (Csa).
In Europa, con anticipo rispetto all’Italia, diversi paesi hanno sviluppato forme varie di canale diretto. In Francia, nel 2007, la vendita diretta è una realtà consolidata che copre il 15% del mercato agroalimentare e consente risparmi ai consumatori dell’ordine del 20-30% (Newsletter Help Consumatori, 2007). Nel Regno Unito si contano più di 500 farmers’ markets, frequentati da 15 milioni di consumatori all’anno e un giro di affari di 166 milioni di sterline (National Farmers’ retail & markets association Farma). In Germania sono attivi più di 5.000 mercati contadini.

vegetable-basket-349667_1280

http://agriregionieuropa.univpm.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...